Vittorio Sereni

uomo in montagna

Autostrada della Cisa

 

Tempo dieci anni, nemmeno

prima che rimuoia in me mio padre

(con malagrazia fu calato giù

e un banco di nebbia ci divise per sempre).

 

Oggi a un chilometro dal passo

una capelluta scarmigliata erinni

agita un cencio dal ciglio di un dirupo,

spegne un giorno già spento, e addio.

 

Sappi – disse ieri lasciandomi qualcuno –

sappilo che non finisce qui,

di momento in momento credici a quell’altra vita,

di costa in costa aspettala e verrà

come di là dal valico un ritorno d’estate.

 

 

Annunci

4 responses to this post.

  1. Posted by BlackLace on 7 novembre 2006 at 3:29 pm

    … sono entrata seguendo un aggiornamento e non mi aspettavo di trovare queste parole. Al momento non so dire altro, tanto sono belle.
    Grazie

    Black

    Rispondi

  2. Posted by cassandra666 on 7 novembre 2006 at 3:32 pm

    un saluto

    Rispondi

  3. Posted by diamine on 8 novembre 2006 at 6:25 am

    Non ci stancheremo mai di rileggere Sereni, anche se, anche quando, non ci lascerà sereni.
    Antonio Fiori

    Rispondi

  4. Posted by medo on 21 novembre 2007 at 8:50 pm

    puoi dirmi di chi è questa foto o dove l’hai trovata? la mia mail è medo (@) gmx.co.uk

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: