Peppino MEREU (Tonara 1872 – 1901)

Mereu_Peppinu

  A Eugeniu Unale I(1)

Eugeniu caru,
                         Non ti cretas
chi de te mi nde sia ismentigadu,
poeta coment’e tottu sos poetas,


    su silenziu to’app’imitadu.
5 Pustis tant’isettare, finalmente,
un’amigu de te m’at faeddadu.
    Mi nd’at trattad’e m’at fattu presente
ch’in Simala ses galu fort’e sanu
e ti la cantas ancor’allegramente.
10  Deo, ca t’app’in coro fittianu,
mi nde cuntent’ ’e sa novella cara,
e ti mand’una fort’istrint’ ’e manu.
    Deo so in sa patria Tonara
respirende sas aèras natias,
15 curende sa person’a s’abba giara.
    Cudda zetra ch’in manos mi bidias
est iscordad’e non sonat piusu,
ca l’appo postu cordas de tinnias.
   Tue galu però nde faghes usu:
20 ti favorit sa zetr’in s’armonia,
ca ses fiz’a su veru Cab’ ’e Susu.
    Ses naschid’in sa terra ’e Billia,2
si cantas podes cantar’a primore;
caru ses a Melpomen’e Talia.
25  Tue ses astru ch’in Putumajore
bi lassas fama coment’in Posada
bi nd’at lassadu Mercioro Dore.
    Sa poesia mi’abbandonada
senza mai nde fagher pius cura,
30 una pros’indezent’est diventada.
    S’iscrio calchi vers’a fur’a fura
tando mi nàt una oghe secreta
ch’est una porcheri’addirittura.
    Sas noe Sorres mi narant: Poeta,
35 mì chi sa poesi’est indigesta,
pensa de osservare sa dieta.
    Cust’ironica oghe de protesta,
amigu meu, non podes pensare
cant’a s’orija mi sonat molesta.
40  Pro cuss’est chi no m’isco rassignare
a su dijunu de s’arte poetica;
sa fert’est grav’e non podet curare.
    S’anima mia, de natur’iscettica,
bramosa de intrar’in su Parnasu,
45 credula si dimustrat e ascetica.
    Però in Elicona pagu casu
faghent de me, mi faghent sas ficcas
sas noe Sorres si ped’unu basu.
    De Ippocrene sas abbas sunt siccas;
50 cand’appo protestadu: so sididu,
m’ana rispostu: B’andas e t’impiccas.
    S’azzettadu l’aere su cumbidu
a’ custas oras tranquillu fia,
e forsis no mi nde fia penettidu.
55 Bae in bonora bae poesia!
S’est presentada che tentassione,
a brullare sa mia fantasia.
    Bae chi app’a dar’attenzione,
si a casu mi tentas dae nou
60 no app’a essere gai tontorrone.
    Sa testa mi’est fragile che ou,
però si benis tue, musa vana,
pro sort’est chi bi craves unu zou.
    Pro cantu ses gasie risulana
65 a mie non mi ponzas a sa prova;
de brullare nde tenzo paga gana.
    Non zocches a sa mia mente bova
a mi pedir’unu semplice mutu,
mì ca ti leo a colpos de iscova.
70  Su laru tenedilu, ca est fructu
de sos veros poetes, sa corona
a mie faghemila de armutu.
    Tue, Unali caru, in Elicona
jura fid’a sa Pieria dea,
75 ca de tottu sas musas est padrona.
    Si ti capitat poneli trobea,
profitta como chi t’istimat tantu,
si no est fazil’a mudar’idea.
    Tue abberi sas laras a su cantu
80 armoniosu, e siast de consolu
a sos coros chi vivent de piantu.
    Deo t’invoco cale russignolu:
ben’a cantar’a sa Patria mia,
ispalghelas sas alas a su olu.
85  Milli cosas contare ti cheria,
e cheria godire ness’un’ora
su consol’ ’e sa tua cumpagnia.
    Ismentigadu non t’ai’ancora,
ti nde fatto solenne juramentu,
90 sa limba mia non est impostora.
    Galu ses in su meu pensamentu:
chi de te non m’ammente, caru amigu,
no che passat nè ora nè momentu.
    Deo ancora so s’amig’antigu,
95 si ti paret chi facci’appo mudadu
severamente ponem’in castigu.
    Si a t’iscrier goi appo tardadu,
no nelzas inurban’e negligente,
ca mai negligente so istadu.
100  De su restu, faeddo francamente,
si eo istadu so silenziosu,
tu’as fattu su surd’ugualmente.
    Menzus ch’istadu siast disizosu
in isettare bonas novas mias,
105 che mi narrer seccant’e infadosu.
    Prit’a las narrer, custas litanias
chi t’imbio, ti devent resessire
seccantes verament’e istantias.
    Mentres ti prego de mi cumpadire
110 si troppu noiosu so istadu,
varias cosas ti do a ischire.
    In primu iscas chi app’incontradu
cuddu superiore tirriosu3
chi tenimis fattende su soldadu.
115  Accanta m’est passadu, bilgonzosu,
ma non l’appo negadu su saludu,
prite ca so de coro piedosu.
    No m’at rispust’e restadu s’est mudu,
prite fit istrazzadu in modu tale
120 chi si timiat de li narrer nudu.
    Puru si ti nd’ammentas cantu male
at fattu cussu, a mi’e a tie,
cando l’aimis sutt’uffiziale.
    A lu diat a crer chi o’in die
125 diat a benner in bisonz’ ’e pane?
Su mundu, caru meu, est fatt’asie.
    Deo, invece de li narrer: Cane!
Appo tentadu de l’avvicinare,
ipse però de me s’est fatt’addane.
130  Ma inter ipse at devid’esclamare:
si unu tempus bonu istadu fia,
como teni’a chie m’ajudare.
    Cuddos chi de sa sua tirania
salvos sunt, si lu ident in s’istrada,
135 lu giamant cun su lumen de ispia.
    S’ipocrita canagli’est mal’andada;
a unu l’at punidu su pugnale,
s’ater’est mortu cun s’anca truncada.
    Bona parte bi nd’at in s’ispidale,
140 ca giughent frazigadu su pulmone
isettende s’insoro funerale.
    Cuddu marranu frade de Nerone
istad’est cundennadu pro rapina
a bindigh’annos de reclusione.
145  Bi nd’at in cumpagni’ ’e disciplina:
samben’at fattu s’istrale fonnesa,
basada siat sa man’assassina.
    Non t’indignet sa mia cuntentesa
chi dimustr’in basare cudda manu
150 chi sever’at punidu sa vilesa.
    Peus pro chie de coro villanu
da ch’est soldadu ponet in olvidu
chi su soldadu det esser umanu.
    Tue pur’a soldadu ses bestidu,
155 a dogn’istante des aer presente
su chi suffrinde ses e as suffridu.
    Tratta bene su tou dipendente
cando nde tenes, ca ti narant bonu:
menzus semper chi siast indulgente.
160  Cumanda, ma no cumandes che padronu,
ma che babb’amurosu, su rigore
semper chi podes, pon’in abbandonu.
    Cun sos bonos faeddos, cun s’amore
s’ottenet tottu, duncas amurosu
165 vive cun tottus e faghed’onore.
    Prosigh’a ti mustrare virtuosu:
senza virtude s’omine s’agattat
che barchitt’in su mare burrascosu.
    Però s’omine chi onestu trattat
170 pro finas cun sos malos tenet paghe,
prite sas differenzias appattat.
    De su restu ses mannu, tue faghe
su dovere: ti chelzo in s’onestade
ischire un’incrollabile nuraghe.
175  Ti naro tottu cust’o caru frade,
prite t’istimo e senz’ipocrisia
amigu so de sa sinceridade.
    Deo prego sa tua cortesia
a perdonare cust’iscrittu meu
180 bestid’a pannos de malinconia.
    Si ti preguntant de Peppe Mereu,
nara chi est trazende isconsoladu
sa rughe de su dol’e de s’anneu.
    Si calch’amigu giustu b’at restadu,
185 soldadu de sa propria bandera,
siat a lumen meu saludadu.
   Tue, si podes, faghe sa manera,
procura de m’iscrier prontamente
brullan’e consolant’una littèra.
190  Deo t’app’a iscrier frequente
fin’a mi narrer maccu e infadosu,
ciarlatanu, seccant’e imprudente.
    Lueg’iscrie. Pro com’adiosu,
dae cust’amenu’e floridu jardinu
195 ti mandat unu basu affettuosu
s’amigu
               tou Mereu Peppinu.

Tonara, 5 luglio 1896

(1) Poeta dialettale sardo di Pozzomaggiore (SS)

A Eugenio Unale I(1)

Eugenio mio caro,
                                Non pensare
che di te mi sia dimenticato:
poeta, che il silenzio sa stimare,
    il silenzio tuo ho ricambiato.
Dopo tanto aspettare, finalmente,
un amico di te m’ha raccontato.
    M’ha ragguagliato, facendomi presente
che a Simala vivi ancor forte e sano
e te la canti ancora allegramente.
    Ed io, che ti ho in cuore non invano,
mi rallegro della notizia cara,
e mando una viril stretta di mano.
   Io mi ritrovo in patria a Tonara
l’aria salubre godendo e la vista,
curando la salute all’acqua chiara.
    La cetra che suonare tu m’hai vista
è scordata ed il suono ormai ottuso:
ché di corde di giunco l’ho provvista.
    Tu invece ancora ne fai uso:
la cetra ti asseconda l’armonia
perché nascesti nel Capo di Suso.
    Nascesti nella terra di Billìa,
se canti, di tutti sei il migliore;
sei caro a Melpomene e Talìa.
    Tu sei l’astro che a Pozzomaggiore
lascerà stessa fama che a Posata
ha elargito il canonico Dore.
   La mïa pöesia trascurata
ormai senza darmene più cura,
una prosa indecente è diventata.
    Se furtivo compongo qualche sura
uggiosa avverte una voce segreta
ch’è solo una schifezza addirittura.
    Le nove Muse ingiungono: «Poeta,
mira che Poesia è indigesta,
provvedi a rispettare la dieta.»
    Quest’ironica voce di protesta,
amico mio, tu non puoi stimare
quanto mi suoni all’orecchio molesta.
    Per questo non mi posso rassegnare
a digiunare dell’arte poetica;
grave è la piaga e non si può sanare.
    L’anima mia, per natura scettica,
smaniosa d’ascendere al Parnaso,
s’è dimostrata credula ed ascetica.
   Epperò in Elicona scarso caso
fanno di me, mi mostrano le fiche
le nove Muse se chiedo un sorriso.
    Le acque d’Ippocrene sono sicche;
e quando: «Brucio di sete» ho protestato,
m’hanno risposto: «Fa’ che tu t’impicche.»
    Avessi questo stimolo accettato
sarebbe più tranquilla l’ora mia,
e pentimento non avrei provato.
   Va’ in buon’ora, va’, o Poesia!
Ti presentasti come tentazione,
irridendo la mïa fantasia.
   Or vai, perché farò molta attenzione,
se a caso mi tentassi in tale modo
non sarò così sciocco e credulone.
    Son fragile di testa e poco sodo,
ma se pure tu tentassi, Musa vana,
sarà un caso se tu vi ficchi un chiodo.
    Benché tu sia tanto ridanciana
di mettermi alla prova non tentare:
di celie non ho certo tanta brama.
    Alla stolta mia mente non bussare
per chiedermi una strofa di straforo,
ché con la scopa ti farò scappare.
    Tieniti pure il sospirato alloro,
sol dei poeti autentici corona,
intrecciala per me di paucifloro.
    E tu, diletto Unale, in Elicona
resta devoto alla Pieria dea
ché di tutte le Muse è la padrona.
    Se l’incontrassi, corri quest’alèa,
profitta adesso che ti stima tanto,
è facile, se no, che cambi idea.
    Tu disponi le tue labbra al canto
che lenisca, soave, il loro duolo
ai cuori che vivono nel pianto.
    Io t’invoco quale un rossignolo:
vieni a cantare nella Patria mia,
distendi le tue ali al dolce volo.
    Raccontar mille cose ti vorrìa,
e godere con te almeno un’ora
conforto della tua compagnia.
    Dimenticato non ti avevo ancora,
solenne te ne faccio giuramento,
la lingua mïa non è mai impostora.
    Tu vivi sempre in ogni pensamento:
senza che ti ricordi, caro amico,
non trascorre né ora né momento
    Sono ancora il tuo sodale antico,
se ti sembra che volto abbia mutato
castigami severo come dico.
    Se poi tanto a scriverti ho tardato,
non definirmi rozzo e negligente,
ché mai negligenza mi ha macchiato.
    E del resto, ti parlo francamente:
se sono diventato silenzioso,
hai fatto il sordo non diversamente.
   Meglio tu sia stato un poco ansioso
d’aspettar novità da parte mia,
piuttosto ch’io passassi per noioso.
    A dire il vero, questa litania
che ti spedisco, ti dovrà riuscire
di sicuro seccante e un po’ stantia.
    E mentre di volermi compatire
ti prego, se troppo ti ho annoiato,
cosette varie ti farò sentire.
    Come inizio, sappi che ho incontrato
quel nostro comandante un po’ ringhioso
conosciuto alla ferma da soldato.
    M’è passato vicino, vergognoso,
né io gli negai il mio saluto,
perché di cuore sono ancor pietoso.
    Non m’ha risposto, se n’è stato muto,
poi ch’era sbrindellato in modo tale
che nudo temeva essere creduto.
    Eppure, ti ricordi quanto male
ci fece quell’uomo nel profondo,
allorché fu per noi sottufficiale.
   Pensato avrebbe mai che, sitibondo,
bisogno avrebbe avuto anche d’un pane?
Così, amico mio è fatto il mondo.
    Io piuttosto che gridargli: «Cane!»,
di avvicinarlo ho voluto tentare,
ma lui il tentativo rese inane.
    Forse tra sé ha dovuto esclamare:
«Destato avessi in altri simpatia,
ora avrei trovato chi implorare».
    Coloro che l’incontrano per via,
e la sua prepotenza hanno scampata,
l’insultano marchiandolo di spia.
    L’ipocrita teppaglia è malandata;
l’uno è stato finito dal pugnale,
l’altro è morto con la gamba amputata.
    Buona parte ha concluso in ospedale,
poiché hanno putredini al polmone,
in attesa del proprio funerale.
    Quel marrano fratello di Nerone
è stato condannato per rapina
a ben quindici anni di reclusione.
    Altri, in compagnia di disciplina:
la scure di Fonni ha fatto mattanza,
sia baciata la mano assassina.
    Non sdegnarti per tutta l’esultanza
che mostro nel baciare quella mano:
ha punito severa l’arroganza.
    Peggio per chi, nel suo cuor villano,
da soldato la regola ha tradito
che il soldato dev’essere anche umano.
    E tu che in divisa sei vestito,
in ogni istante devi aver presente
quanto ora patisci, e hai patito.
    Sii umano col tuo dipendente
quando comandi, ché ti fai amare:
è sempre meglio l’essere indulgente.
    Comanda, senza mai spadroneggiare.
Come un padre amoroso, ogni rigore
ti consiglio, se puoi, di tralasciare.
    Con le buone parole, con l’amore
ottieni tutto, allora premuroso
vivi con tutti, vivi con onore.
    Continua a dimostrarti virtüoso:
senza virtù ogni uomo si ritrova
quale barchetta in mare burrascoso.
    Però l’uomo che d’onestà dà prova
anche con i malvagi trova pace,
perché le divergenze par rimuova.
    Sei adulto del resto, tu verace
segui il tuo dovere: in onestà
fermo quale nuraghe e pertinace.
    Tutto questo ripeto a sazietà,
perché ti stimo senz’ipocrisia
e sono amico alla sincerità.
    Faccio appello alla tua cortesia:
che voglia perdonare questo scritto
avvolto in panni di malinconia.
    Se di Peppe Mereu fanno quesito,
rispondi che trascina sconsolato
la croce del dolore, sempre afflitto.
    Se un amico sincero è pur restato,
coscritto sotto la stessa bandiera,
a nome mïo venga salutato.
    E tu, se puoi, trova la maniera
di scrivermi, scherzosa, prontamente
per consolarmi un’epistola leggera.
    Quanto a me, scriverò molto frequente
finché dirai che sono fastidioso,
seccatore, pettegolo, invadente.
    Scrivimi presto. Per ora mi riposo:
da questo ameno e florido giardino
un bacio ti spedisce l’affettuoso
amico tuo
                  Mereu Peppino.

Tonara, 5 luglio 1896

(I) Poeta dialettale sardo di Pozzomaggiore (SS)

(traduzione di Giovanni Dettori)

Da: Peppinu Mereu, “Poesie complete”, a cura di Giancarlo Porcu [edizione critica; apparati; biobibliografia; saggio], traduzione di Giovanni Dettori, Marcello Fois, Alberto Masala, 528 pp., Edizioni Il Maestrale, Nuoro 2004

Da Wikipedia:

Peppino Mereu (Tonara, Nuoro, 14 gennaio 1872 – 11 marzo 1901) è stato uno dei poeti in lingua sarda più importanti di fine Ottocento. Pur essendo figlio del medico condotto del paese non ebbe mai vita facile. Di salute cagionevole, persi i genitori a 19 anni, si arruolò nell’Arma dei Carabinieri in cui rimase per 5 anni, di servizio in diversi paesi della Sardegna. Pur in contrasto con i suoi superiori dell’Arma, nelle feste di paese partecipava alle tradizionali “gare” di poesia estemporanea in competizione con poeti ben più anziani e quindi più preparati uscendone spesso vincitore.
Nato e vissuto in una Sardegna afflitta da fame, malaria e corruzione, di tutto ciò è cosciente pervadendone la sua opera. Affine agli scapigliati milanesi e vicino alla scuola nuorese dei poeti de su connottu (le cose conosciute), Mereu visse una vita di stenti protetto solo da pochi amici tra cui Nanni Sulis, al quale sono dedicati numerosi componimenti del poeta. Una frase estrapolata da una poesia dedicata al Sulis può aiutare a capire il suo pensiero: “Senza distinziones curiales devimus esser, fizzos de un’insigna, liberos, rispettados, uguales” (in italiano: senza distinzioni di casta dobbiamo essere tutti figli di un simbolo, liberi, rispettati, uguali).
Di lui sono rimaste poche opere, tutte pubblicate in raccolte postume.

Sulla poesia in lingua sarda:

Salvatore Tola – La poesia dei poveri – AM&D Edizioni – Cagliari 1997
Salvatore Tola – La Letteratura in Lingua sarda – CUEC – Cagliari 2006

Annunci

2 responses to this post.

  1. Posted by frontespizio on 6 agosto 2007 at 4:11 pm

    Una lettera, letta in italiano, che mi ha proiettato in un tempo diverso, con sentimenti e sensazioni diverse.
    Grazie.
    Michele

    Rispondi

  2. Posted by 1Nuscis on 6 agosto 2007 at 4:20 pm

    Grazie, Michele, per la tua lettura. Buon inizio di settimana.
    Giovanni

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: