Michele RANCHETTI – Poesie

Senza nome

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da La mente musicale (1988)

 

Non abbiate un amico sulla terra
che dovete lasciare, sulla soglia
non trattenetevi oltre, la partenza
sia violenta ed irata.

Alla resa dei conti tu solo
parlerai per te stesso ed in tuo nome
ti loderai scusando le occasioni
che ti hanno vinto: tutti
ti parleranno contro a voci alterne
e tanto ostili quanto più ne temi
l’intelligenza della tua natura.

Giobbe paziente e ostile
vinto ti è accanto.
Non l’hai lodato, solo in te riposa
vinto, l’assalto.
le membra ricongiunte
nel tuo corpo intatto
vive diviso e indifferente.

Il suicidio in me vive
e nella calma innaturale e lenta
si è ridestato
alzandosi sui gomiti
sorgendomi alla spalle:
ecco io assisto alla lotta
fra morte giusta e ingiusta
ed è la prima un letto,
dopo la mente e il corpo a lungo vivi,
dove supino calco il mio cadavere;
l’altra, morte illegittima,
è una frode violenta.

Nacqui felice e subito mi tolsi
all’affetto dei cari
con arroganza. Disperati li vidi
non chiamati, distinti dai viventi
per una traccia di pietà dolente,
avviarsi alla morte.

Mai ho vissuto felice nell’infanzia
già conoscendo il male di conoscere
prima del tempo. Me per me, in me stesso
dentro di me.

*

Prima di morire una creatura vive
differente. I cari prendono il largo
come navi create dal mare
da cui sta per salpare. I cari
hanno un destino, chi muore
non ha presente. Che dire, a chi
rivolgere lo sguardo, quale
certezza aggiungere a quel soffio
che viene meno e somiglia
tutta la vita?

Tutta la vita adulta
ho vissuto tra voi, prima ho spiato
da madre il figlio, poi
cresciuta entro di voi,
libera vi ho fatto grandi,
mentre senile all’apparenza,
vivo infantile innamorati cieli
da cui piombo come falco del lago
sopra di voi entro le vostre case
e conduco
a morte i grandi, a gioventù i bambini.

Sono nel letto di dolore per voi, sorrido
e fingo di morire: voi siete inginocchiati
come a un presepio e sono io il bambino
su cui me stessa veglio.

Non crede di morire e si allontana
il suo corpo dai cari, distrae
ora il suo tempo gradualmente
acquistando altro tempo per se stessa.

Vi rivedo di nuovo, eccomi a voi,
che mi guardate mentre sono sottile
filo di trama che mi avvolge.

Luce porgo al mio occhio per vedermi,
porgo forza al mio dire
verso a me stessa la vita
con sapiente prudenza: e paura: accanto alla mia morte
tutti avete l’età che fu già mia
oltre la quale io mi accingo
con prudenza e paura: sulla soglia
della vita di voi s’apre la mia.

Ciglia socchiuse, palpebre abbassate,
ecco il respiro che si fa lieve, un soffio
tutto è pronto a morire, il piede,
la mia mano… Benedetto mio corpo.

*

Da Verbale (2001)

La fine del confronto: una
verità libera: era
necessaria la fine per compiere
e conoscere fuori dal luogo
dell’origine:
la figure della madre e del padre
impedivano il vero.

*

Muoiono le figure dell’assenso
vite non più parallele s’interrompono
d’essere presente è il compito, non più la sorte.
Tu non sei
più vicino alla fine che al principio
e il dove è inesistente: ora precipita
o sale e si sottrae: si avverte
come presenza oltre l’assenza eterna.

*

Vivo in una cassa
da vivo: morto
sarò risorto.

*

Curo, come vedi, un giardino
piccolo, su misura
del bambino che in me
vive da adulto: figura
del mio premio terrestre.
Alberi senza rami, recisi
dal gelo dell’eterno, frutti
su tronchi inesistenti
uccisi dai silenzi.
Terra senza colore, lutti
aridi, spoglie, muore.

*

Dove credevi di trovare accolto
il tuo dare ottieni non il rifiuto ma
la volontà contraria in contrappunto
non conoscibile, diverso, maledetto:
la tua pietà distrugge l’universo
se lo assume a conferma, ma è l’odio
che ti fa libero e tu non vuoi che sorga
dalla cenere spenta della vita vivente.

*

Di chiesa in chiesa verso la reliquia
l’itinerario è dove sei, è in te, non ha
segni apparenti: dove era
una strada e attorno vi si apriva
un accorrere, è fisso
sbarrato un presente.
Rimane un abside, un portale
figure di dannati in fughe
apocalittiche a formare
un intrico di fede
murata nelle anime credenti:
i corpi vanno al riscontro.

*

Se cerco di distruggermi
è per non essere raggiunto
dalla sua morte, cedere prima,
non essere presente, già fuori
dal recinto di vita.

 

Michele Ranchetti, nato a Milano nel 1925, vive a Firenze. Storico della chiesa e attento commentatore della recente evoluzione del cattolicesimo, studioso di storia delle religioni, di Wittgenstein, Heidegger e Freud, ha tra l’altro pubblicato Cultura e riforma religiosa nella storia del modernismo (Einaudi 1963), Gli ultimi preti. Figure del cattolicesimo contemporaneo (Cultura della pace, 1997); per La Edizioni di Storia e di Letteratura ha pubblicato in tre volumi un’ampia raccolta dei suoi saggi: L’etica del testo (1999), Chiesa cattolica ed esperienza religiosa (2000), Lo spettro della psicoanalisi (2000); più di recente, Non c’è più religione (Garzanti 2003), ha curato l’edizione della Bibbia di Diodati per i “Meridiani” (Mondadori 1999) e gli Scritti di metapsicologia di Freud (Bollati Boringhieri 2005). Consulente editoriale, pittore e poeta, ha scritto anche le raccolte poetiche La mente musicale (Garzanti 1988) e Verbale (Garzanti 2001) e ha tradotto tra l’altro due testi di Paul Celan, Conseguito silenzio (Einaudi 1998) e Sotto il tiro di presagi (Einaudi 2001). Per Feltrinelli ha curato inoltre l’edizione di Uwe Johnson, I giorni e gli anni.

Annunci

5 responses to this post.

  1. Posted by frontespizio on 21 gennaio 2008 at 6:17 pm

    Il suono della poesia non è semplice sentirla; è facile ascoltare qualsiasi verbo o pensiero, entrarci dentro è cosa rara e piacevole.
    Michele

    Rispondi

  2. Posted by 1Nuscis on 22 gennaio 2008 at 11:06 am

    Grazie, Michele, del passaggio. Un caro saluto.
    Giovanni

    Rispondi

  3. Posted by anonimo on 3 febbraio 2008 at 8:19 am

    l’ora della tua partenza è arrivata, Michele, ieri sera alle 20,30. Non so se sia stata “violenta e irata”. So che ha lasciato assenza e sgomento. Milka

    Rispondi

  4. Posted by 1Nuscis on 3 febbraio 2008 at 11:51 am

    Cara Milka, La ringrazio di cuore per avercene dato notizia. La sua poesia mi è stata da subito particolarmente, ed istintivamente cara. La grandezza del poeta – e ne sono d’esempio le splendide poesie qui presenti – ci rivela anche quella dell’uomo e dello studioso, con la ricerca continua, instancabile, propria degli spiriti elevati.
    Egli continuerà a vivere, ora, nelle sue opere, che ci auguriamo possano avere tutto l’ascolto e l’amore che meritano.
    Un abbraccio commosso a Lei, Milka, e ai familiari di Michele Ranchetti.

    Giovanni Nuscis

    Rispondi

  5. Posted by anonimo on 3 febbraio 2008 at 4:09 pm

    Vicino nel dolore.
    E commosso.
    “La morte non fa paura
    la morte non è niente
    fa paura il morente”
    M.R.
    Antonio Fiori

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: