Poesie di Bianca MADECCIA

Pinuccio Sciola Pietra sonante

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vetro

Madre
Dove son finite le tue parole di ieri?
Le ho lasciate entrare dentro di me
– grata –
acqua nella terra secca

Nulla
a parte quei pezzi di vetro
che stanno li’ piantati da una vita.
Lo porto scritto in faccia
-Assolvimi Madre
perche’ non ti somiglio –

E tu l’hai fatto Madre
Tu hai fatto piovere
le parole giuste

– Chi e’ sano va via –

Epitaffi

Scrittrice di epitaffi sulle lapidi dei cimiteri
Donna del disincanto
Raccolgo pene di cuore e amoreggiamenti
In questo mondo ricoperto di polvere

E sono così brava
che ho un camposanto tutto mio.
E’ una gioia a primavera
potare le roselline bianche e sfrondare la verbena.

Dei fiori che colsi ne faccio corone.
Di quelli che non colsi
poesie che poggio sulle lapidi

In ogni angolo della mia anima
c’è una lapide ad un Dio differente

Acqua

Io sogno
un indumento d’acqua
assolo di vetro
e nel mio sogno
le parole
golfo cristallino
acque pericolose e incerte
onda di seta
vela d’angelo spezzata
si tuffano
lacerando
in piena luce

*

Credo
nella trama fitta
delle piccole cose
in un segreto linguaggio circolare
nelle minute presenze invisibili

Credo
negli echi
nelle ombre
nell’impalpabile
nei cori notturni sul mare

Credo
nelle musiche sussurrate dalle pietre
nell’idioma delle nuvole
nel silenzio delle parole
nei discorsi contenuti nel silenzio

oggi credo

e mi unisco al coro dei cantori
dell’esistente
invisibile

Alla luna

Un guerriero zen
innamorato della morte
parla parla parla
mentre mostra
le cicatrici alla luna
per farla invaghire di sé:
“Vedi? Potrei morire domani
se solo volessi”.

L’astro non risponde
e osserva dall’alto
questa eternamente mimata
vicenda adolescenziale.
Agli umani piace recitare.
Che ne sanno loro di una vita infinita?
Che ne sanno loro della morte eterna?
Ci sono già state ere glaciali,
né migliori né peggiori di queste.
Tutto il resto è teatro.

Una tragedia,
quando si ripete due volte,
diventa farsa.

Gabbie

Sazia di scalare stelle
mi spingo verso il mare

Ora tu sogni lenzuola stese al sole
io invece di notte
sogno falò

Il giorno ci sveglia
e costruisce per noi
grandi gabbie di vetro

Di nuovo i papaveri
saranno solo macchie di linguaggio
che non sanno nulla di me

Ma non li rinnego
Anche oggi
Li reggo.

Maestrale (Invettiva)

Ah, che il disprezzo seminato ti invada il giardino
E il terrore di notte ti tormenti in sogno

Vederti annegare nelle lacrime che spargi
E la rabbia che hai dentro bruciare come fosforo l’aria

Che insipienza di vita ti renda il pane sciapo
Condannato a desiderare e a non poter mai avere

Lebbroso scacciato da tutte le porte
Costretto a vagare senza meta
La tua stirpe sparsa ai quattro venti

Possa solitudine tenerti compagnia a vita
Il dolore abitare in eterno a casa tua
E allearsi con buio e tempesta
E tu vivere in ombra perenne

Che anche la terra si rifiuti di accogliere le tue ceneri

Che tutto l’odio che hai ti ritorni indietro
Moltiplicato per mille e poi mille ancora
Sotto forma di gelo, disprezzo, pensiero, catena, tortura,
amore

E’ sera

E’ sera sorella e ti guardo
Ti frugo
con occhi di umore-caledoiscopio che fluttua
Inquieti, diversi, mai appagati
Ecco tutto

E’ sera e mi guardi sorella
Quello sguardo, il tuo
non lo conosco
ne’ forse lo conoscero’ mai
calmo, pieno, rotondo
occhi vuoto-colmati
cerchio perfetto
privo di tragicita’
tenerezza che non teme di mostrarsi

Lo amo
Lo amo e lo invidio
quel modo
di posare gli occhi sul mondo

*

Biografia breve:

Bianca Madeccia, è giornalista. Ha pubblicato microracconti, sillogi poetiche, saggi, traduzioni. Suoi testi sono stati pubblicati in numerose antologie di poesia. E’ autrice di una raccolta poetica “L’acqua e la pietra” (LietoColle 2007) e di due raccolte poetiche inedite. E’ appassionata di fotografia e arte materica che ama contaminare con testi poetici. http://biancamadeccia.wordpress.com

                                                                                           ***

Versi netti e levigati, questi di Bianca Madeccia, dall’attrito sfidante – nei temi e nello stile – di un percorso di essenzialità e verità della parola, di uno sguardo nudo ed interiorizzato sul mondo.
I testi che si propongono ci parlano di elementi primigeni e archetipici, di una ricerca tesa a scoprirne la chimica segreta, l’”acqua”, “le piccole cose”, “il silenzio”, “l’idioma delle nuvole”, “il golfo cristallino”, il “segreto linguaggio circolare”, “le musiche sussurrate dalle pietre”.
L’autrice, allo stesso tempo, è “donna del disincanto”, che diffida comprensibilmente dei “buoni sentimenti”, e rilancia: “(possa) il dolore abitare in eterno a casa tua/…/Che tutto l’odio che hai ti ritorni indietro” (Maestrale); senza però che venga meno il sogno (“Io sogno/un indumento d’acqua/assolo di vetro” (Acqua)), e una fede, accorta, non disgiunta da una scommessa sulla vita: “Credo/negli occhi/e nelle ombre/nell’impalpabile/nei cori notturni/…/e mi unisco al coro dei cantori/dell’esistente/invisibile”.
Non sfugge, inoltre, di questa poesia la tensione etica e programmatica (“Io sogno/…/le parole/golfo cristallino” (Acqua), “Credo/…/nel silenzio delle parole/nei discorsi contenuti nel silenzio”), consapevole dell’unicità d’ogni uomo, della solitudine e responsabilità che ne deriva (“Lo porto scritto in faccia/-Assolvimi Madre/perché non ti somiglio”), accettate
con dignità, e a muso duro. (Giovanni Nuscis)

Annunci

5 responses to this post.

  1. Posted by ventidiguerra on 16 marzo 2008 at 11:22 am

    Auguri! Buona Pasqua!
    Un abbraccio,
    Giulia.

    Rispondi

  2. Posted by 1Nuscis on 16 marzo 2008 at 3:20 pm

    Cara Giulia, ricambio di cuore i tuoi auguri, anche per i tuoi cari.
    Un abbraccio
    Giovanni

    Rispondi

  3. Posted by DanielaRaimondi on 18 marzo 2008 at 7:23 am

    Una poesia dipinta con chiarezza e forza che entra dentro senza mediazioni. Disincanto, come dice Gianni, e grande capacita’ di vedere le cose ed il mondo nella loro essenzialita’ e anima. Un grande abbraccio a Bianca, che stimo e ammiro.
    daniela

    Rispondi

  4. Posted by biancamadeccia on 18 marzo 2008 at 4:46 pm

    Grazie a Giovanni per l’ulteriore bella sorpresa e a Daniela per la stima che ricambio pienamente.

    Auguro a voi e a tutti i frequentatori del blog una serena festività. Con affetto, Bianca

    Rispondi

  5. Posted by 1Nuscis on 19 marzo 2008 at 1:57 pm

    Davvero lieto di averti qui, Bianca. Ricambiando di cuore l’augurio, saluto affettuosamente te e Daniela.
    Gianni

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: