“Il giardino non esiste” di Alberto CAPITTA

ScannedImage

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

     Si sviluppa sulla traccia di una storia familiare l’ultimo romanzo di Alberto Capitta, Il giardino non esiste: quella di Romeo Scalas, titolare di un negozio di coloniali. Pur lontani dal realismo descrittivo, non è difficile riconoscere in Romeo un rappresentante di quella ricca e compiaciuta borghesia mercantile in auge fino a non molti anni fa, prima dell’arrivo della grande distribuzione. Una borghesia non dissimile – rispetto a Sassari, dov’è principalmente ambientato il romanzo – da quella di molte altre città italiane e straniere, come la Lubecca dei Buddenbrook di Thomas Mann. Anche qui dalla massima fortuna economica e familiare si passa alla sua parziale dissoluzione e decadenza, attraversando l’evento tragico della morte di Lorenzo e di Michele, i due figlioletti gemelli di Romeo, l’operazione alla testa di Carmen, la figlia più grande, per guarirla dall’epilessia, la pazzia di Flora, moglie di Romeo e madre dei gemellini, la grave depressione del capofamiglia, la fuga dei clienti del negozio per “quel lezzo di infelicità” che ormai vi si respirava.
     Dicevamo che si è lontani da quadri descrittivi reali, dall’affresco storico ed epocale. Il romanzo ne prende anzi le distanze, costruendo la propria vivida e commovente epopea dentro un tempo sospeso, dentro luoghi indefiniti come il giardino [”…un orticello incastonato tra le case e al di là di questo un passaggio che introduceva a un luogo di viva boscaglia. (…) C’erano querce secolari miste a olivi e roverelle e il sottobosco era tutto un pullulare di lumaconi e farfalle…”] nel cuore della città dove Carmen si rifugiava annotando di nascosto fatti e avvenimenti su un diario segreto. Alberto Capitta ha uno sguardo creaturale sulle cose, e la libertà e la forza inventiva della sua scrittura s’esprime in un equilibrio di tempi e di spazi che costituiscono, in un’opera artistica, la giusta prossemica: la distanza che attira e coinvolge il lettore pur senza volerlo retoricamente convincere. Le originali descrizioni, dove è spesso presente la natura, hanno la calma evocatività e bellezza, specie nella prima parte della storia, di sequenze cinematografiche: sovviene Fanny e Alexander di Bergman. Fatti ed eventi negativi presenti nel romanzo (malattie, limiti, difetti, deformità, povertà…) piuttosto che derive sconsolate o ciniche disvelano spesso, invece, da ultimo, un lato ludico, ilare e, comunque, positivo. Se non una fede nell’uomo, laica o religiosa che sia, si avverte talvolta quel barlume di speranza inscindibile dalla vita pulsante, dal suo incedere malgrado tutto. Come superamento, forse, dell’acuto quanto infecondo sentimento di disillusione sulla condizione umana.
     Eppure nell’ultima parte del libro, nella scena dove le tre donne superstiti (Flora, Carmen e Innocenza) si abbandonano al travestimento e alla confusione e inversione di ruoli (imitandosi a vicenda, e imitando persino i familiari defunti), viene da pensare alla crisi epocale che attraversa la nostra società e civiltà; a questo nostro tempo di smemoratezza, di perdita o mancanza di valori, e di bontà, in cui si è se si consuma, se si sta dentro modelli sociali e comportamentali definiti, ridotti, come Pasolini aveva intuito a suo tempo, a docili e inconsapevoli strumenti di strategie e di destini impostici da altri.

GN

Alberto Capitta
Il giardino non esiste
Il Maestrale (Nuoro 2008)

*

Alberto Capitta è nato a Sassari nel 1954, dove vive e lavora. Autore di testi teatrali (direttore artistico di Ariele Laboratorio), si afferma come romanziere con Creaturine (Il Maestrale 2004); il Maestrale/Frassinelli 2005; tradotto in Francia), opera che gli vale un posto di finalista al Premio Strega oltre ad un’accoglienza convinta presso la critica e i lettori più esigenti, nel 2006 gli viene assegnato il premio “Lo Straniero” per essere, fra l’altro, “uno dei più interessanti tra gli scrittori di una straordinaria fioritura sarda”. Nel 2007 per Il Maestrale ha ripubblicato una nuova versione del romanzo d’esordio Il cielo nevica (già Guaraldi 1999; in corso di pubblicazione in Francia).

Annunci

4 responses to this post.

  1. Posted by frontespizio on 12 giugno 2008 at 6:43 pm

    Dopo il gradimento in libreria de Il cielo nevica, questonuovo romanzo non mancherà nella nostra libreria.
    Ciao Michele

    Rispondi

  2. Posted by 1Nuscis on 12 giugno 2008 at 7:39 pm

    Un ottimo lavoro, Michele – originale, rigoroso e in controtendenza -che va giustamente proposto e valorizzato.
    Un caro saluto. giovanni

    Rispondi

  3. Posted by DanielaRaimondi on 15 giugno 2008 at 8:56 am

    Un libro che ho letto e che mi ha affascinata. Soprattutto l’ultima parte, la vita in questa casa/foresta/tana, e’ un capolavoro.
    Ci devo scrivere qualcosa anch’io.
    Ciao Gianni, e spero a presto,
    daniela

    Rispondi

  4. Posted by 1Nuscis on 15 giugno 2008 at 5:22 pm

    Grazie, Daniela, ero quasi certo che il libro non ti avrebbe lasciata indifferente.
    Un caro saluto
    Gianni

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: