21 marzo. Nessuna festa, sempre festa.

hanami-lots

Non esiste festa per i poeti. Ogni giorno è festa, per loro. E dunque, festa sia anche oggi, 21 marzo, primo giorno di primavera. I poeti stanno fuori dal coro. Nessun coro, a dire il vero, li ama. Il potere graziosamente li tollera, anche perché poco o nulla incidono nei suoi disegni. I poeti stanno appartati, bastano a sé stessi. I poeti non si curano di premi e riconoscimenti, ma tengono anche loro famiglia. Cercano in sé stessi e nel mondo, intorno, il senso del vivere; compulsandola, la vita, con dita di versi, generando, senza saperlo, filamenti invisibili tra cose e persone, tra tempi lontanissimi. I poeti non chiedono nulla, nulla si aspettano, grati però di ciò che gli arriva.

Nessuna festa, sempre festa.

Annunci

4 responses to this post.

  1. Posted by cino720 on 21 marzo 2010 at 5:20 pm

    ci sono pochi poeti in giro.dura è la lotta con se stessi per rimanere se stessi e se c'è lotta allora non si è poeti?

    Rispondi

  2. Posted by 1Nuscis on 23 marzo 2010 at 8:27 am

    Buoni poeti , Cino, credo invece che ne siano molti. Alcuni, senza pelle, ad accogliere vita e non di meno, ustioni:) Una vita piana, senza sofferenze e tribolazioni, penso che ormai non sia possibile per nessuno, quanto meno per i poeti, capaci di metabolizzarle in versi. Ciao

    Rispondi

  3. Posted by cino720 on 24 marzo 2010 at 10:21 pm

    si, caro Giovanni, ce ne sono, anche qui nel web e sono spesso quelli fuori dal coro, che stanno in disparte che non cercano la ribalta ad ogni costo.Penso anche che vada formandosi una nuova umiltà in poesia, che la rende credibile e vera, ma che sia ancora una parte minoritaria, purtroppo, rispetto ai numeri totali. Sono anche contento dell'impegno di nuovi piccolieditori che stanno lottando per far conoscere questa poesia, mi vengono in mente Ramberti, Fabbri, De Luca, per citarne alcuni e anche alcuni blogger che vi danno spazio, tra i quali Marotta, Guglielmin, Ceccarini…Spero che questo lavoro, porti buoni frutti, me lo auguro per voi e per noi che vi leggiamo.cino

    Rispondi

  4. Posted by 1Nuscis on 25 marzo 2010 at 12:20 am

    Credo che sia l'etica, caro Cino, a fare la differenza alla lunga: tra autore e autore e tra editore ed editore; in lotta, il primo, con l'omologazione e il pregiudizio sul genere; il secondo, con un mercato che sembra favorire i più spregiudicati, che sfruttano l'ambizione o l'ingenuità di molti autori.Giovanni

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: