“Tra disastri e desideri” di Marco STATZU

marco-statzu1

Marco Statzu, giovane sacerdote e teologo, nella poesia rivive e traduce la propria vita.
“ E’ poesia vissuta ”, ci dice in un verso: la chiamata, la riflessione teologica, l’amore per la natura, gli incontri emblematici, le forti amicizie. Il verso libero è pulito, diretto, spesso narrativo, come ogni autentico linguaggio amoroso: “ Non ho una storia alle spalle,/ ma dentro./ E questa intesso e disfo/ e racconto./ In infinite trame.” Molti testi recano la data (e a volte l’ora) della definitiva stesura, quasi che la traccia temporale li garantisca da ogni travisamento futuro: “ Mi sono rotto in mille tentativi di parlare./ Ma una è la Parola a cui mi debbo assimilare.” Una poesia d’esordio molto mobile, volenterosa e aurorale, ma che già reca la consapevolezza e l’umiltà della poesia matura: “ Con parole mie/ più non so scrivere./ Con quelle di altri/ – talvolta -/ m’incontro.” Massimo Sannelli, nella postfazione alla raccolta, legge nella poesia e nella vita del poeta un susseguirsi di scelte e le riconduce a quella fondamentale tra l’ubbidienza intelligente di Noè e l’intelligenza testarda di Ulisse. L’uomo di oggi, dopo la perdita della sua condizione originaria, è in precario equilibrio tra il disastro e il desiderio di Dio e solo camminando sulle orme di Noè, non a caso salvato dal diluvio, anch’egli potrà salvarsi.

“ Il vuoto è quando si dimentica tutto./ Anche un ricordo a brandelli/ può servire talvolta a tenermi nell’essere.” (Antonio Fiori)

*

Tra disastri e desideri

Siamo sospesi
Tra disastri e desideri:
quelli ci sovrastano
questi ci elevano.

*

Iuana cordis
(Dove si prova a descrivere il rapporto di libertà e
gratuità che l’amicizia richiede e invoca)

La chiave
Nelle mie
O nelle sue mani:
sottile differenza
tra ospite e ostaggio.

(La notte tra 1 e 2 marzo 2006)

*

Vorrei essere

Vorrei essere il freddo che sento
per non tremare più.
Vorrei essere il dolore che sento
per non soffrire più.
Vorrei essere il silenzio che sento
per ascoltare la risposta.

(Guspini Terralba 7 novembre 2008 h 13)

*

Disintegrazione

Sento in me la vecchiezza di cent’anni
come se avessi generato figli e figlie
e fossero morti ancor prima di sbocciare.
Sento la vita venir meno a grappoli di anni
incapace di difendermi da questo sgretolamento.
Mi sono rotto in mille tentativi di parlare.
Ma una è la Parola a cui mi debbo assimilare.

(Tra Sartène e Ajaccio, Corse,
6-8 agosto 2008 h.11.11)

*

Marco Statzu
Tra disastri e desideri
Fara Editore, 2010
Postfazione di Massimo Sannelli

*

Marco Statzu è nato nel 1979, è prete della diocesi di Ales-Terralba, viceparroco a Guspini e docente di Antropologia Teologica alla Facoltà Teologica della Sardegna. “ Tra disastri e desideri “ è il suo primo libro di poesia.

Annunci

2 responses to this post.

  1. Posted by accipicchia on 10 giugno 2010 at 10:10 am

    Ci fai sempre dei doni graditissimi, Giovanni.Non una parola in eccesso nei versi di questo giovane sacerdote e poeta che cerca l'essenziale e non ama il superfluo. La poesia matura di una mente e un cuore giovani.Grazie. Buona giornata. 

    Rispondi

  2. Posted by 1Nuscis on 10 giugno 2010 at 10:01 pm

    Grazie a te, Piera, per il commento e la gradita visita.Un caro saluto.Gianni

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: