Vincenzo MURA “Poesias Sèberas”

Vincenzo Mura 001

Sos ojos mios arribbo

S’ùltima marrada ‘e sole

at isconzu s’istiu.

De sa chìgula restat su repiccu

in ùngias de saucu

e s’imprenta ‘e su càntigu sou

s’est inferchida in ispinas

de ‘ardu siccu.

Immùrinat s’istiu

in su mudor’ ‘e sas cannas

de trigu moriscu,

isbentulende ammentos.

Sos àrvures sun annuzados

che puzones chena nidu

e fintzas a beranu

no an agattare risu.

In s’ùmbra ‘e unu sàlighe

sos ojos mios arribbo

appittu ‘e dies noas

(Ripongo i miei occhiL’ultima zampata di sole/ha disfatto l’estate.//Della cicala è rimasta l’eco/tra le unghie dei sambuchi/e l’impronta del suo canto/s’è infilzata in spine/di cardo bruciato./Imbruna l’estate/nel silenzio degli steli/di granturco,/sventolando memorie./Gli alberi sono mogi/come uccelli senza nido/e fino a primavera/non ritroveranno il sorriso.//All’ombra di un salice/ripongo i miei occhi/ad aspettare nuovi giorni.)

*

Pensamentu drommidu andalienu

Morzo che ti morzo

est s’istajon’ ‘e festa.

Sa terra pro mudare

s’intanat in sas tramas

de chentu nieddores pesperinos.

S’ultima istròscia ‘e ràmine

incispit isvanida

in àrvures mesu nudos.

Dae sas naes attambainadas

làgriman fozas chena sàmbene

in lentolos de filighe e lanedda.

S’ispozat sa natura

pro s’intuvare in su mudore sou.

S’imbena montanina ‘e duas puntas

at interradu unu sole

impastadu ‘e fogu.

In su cunventu meu mi sizillo

bestende

sa cotta’e sos meledos

chena cabu e chena coa.

Unu drommidu andalienu

est su pensare meu

chi no ‘ischit

de naspare a sa tzega.

(Pensiero sonnambuloAll’ultima spiaggia/è la stagione di festa./Per cambiare pelle la terra/si nasconde negli inganni/di cento foschie vespertine./L’estremo scroscio di rame/fiammeggia fumoso/su alberi discinti./Dalle fronde accasciate/lacrimano foglie e muschi./La natura si spoglia/per rinchiudersi nel proprio silenzio./L’inguine montano di due vette/ha sepolto un sole/di magma.//Mi ritiro nel mio convento/indossando/la tunica delle riflessioni/senza capo né coda.//Il mio pensiero/è un sonnambulo/che ignora/di vagare al buio.)

*

Cuntaminu antigu

Si m’appìtzigat

s’isermone antigòriu

chena remèdiu

de sa zente mia revessa.

Non bi resesso pius a cuare

arrajolos e chéscias

e troppu tronosas

mi si faghen

sa disania locca

e sa marrania iscasciada

chi diventan anneu pro sa vida.

E comente sa rébula mia

in un’atzola de mudesa

m’inserro che arcanu presoneri

chena boleos e boghe.

Non mi potto amparare

dae s’ambisua de venenu lenu

chi custu mudìmine isparghet.

So disaminadu

e in sas intragnas mias

no agatto cumpanzos

Pro ‘enner accabu

de s’assussegu meu

de pedra.

(Contagio arcaicoMi contagia/la tristezza arcaica/irreversibile/della mia razza ostinata.//Non riesco più a nascondere/rabbia e rancori/e insormontabili/si presentano/il livore ideologico/e la folle sfida/che diventano tedio senza ritorno./E come la mia gente/in una matassa di mutismo/mi isolo come arcano prigioniero/privo di slanci e voce./Non posso sottrarmi/al parassita di lento veleno/che questo silenzio produce./sono sottomesso/e dentro di me/non trovo alleanze/per far fronte/al mio immobilismo/di pietra.)

Istentérios

Pro tottu s’istiu

su sole at bistrasciadu su mare.

Si ch’est falada s’appara

e peri sas carreras

chena una filigheddu ‘e umbra

an affieradu a trèmidas

muscas e muschina.

Dae su chelu

onzi nue at disterradu

e bénnida mi paret s’ora

de istrobeire sas campanas mudas

dae su cannau ‘e s’attédiu

e las sonare a s’istérrida

abboighende a boghe posta

sos isettos ammacculiados

de poveraza e filigresos in caratzas noas

e ispabarare a su ‘entu

sas banderas de s’arrempellu

frundidas che istratzos

in sos fundajos de s’olvidu.

In coro pro vilesa

nos est créschidu su murgore

de s’intiriolu chertadore

chi sa cuscèscia ‘e tottu at luadu

e sa trùvida abbulottera,

ma a nie sighit a mi percossare

s’istentériu rivolussioneri

oramai in assoloddu.

(DeliriPer tutta l’estate/il sole ha seviziato il mare./E’ appassita la cipolla selvatica/e per le strade/senza un filo d’ombra/hanno infierito schiere/di mosche e moscerini.//Dal cielo/hanno migrato le nubi/e il momento mi sembra giunto/di liberare le campane mute/dalle corde del tedio/per suonarle a distesa/e a voce piena gridare/le speranze assopite/di poveri e proletari in nuove vesti/e dispiegare al vento/le bandiere della rivolta/abbandonate come stracci/nei ricettacoli della memoria.//Per ignavia nel cuore/è ammuffita/la passione per la lotta/infettando la coscienza collettiva/e la spinta al cambiamento,/ma a me continua a torturarmi/il delirio di rivolta/ormai in letargo.)

Trementu

Nos ingalerat

sa complitzidad’ ‘e zente meda

e su mudine asseliadu ‘e sos àteros.

Ma cheret chi nos nd’ischidemus

dae s’assoloddu ‘e mente

prima chi falet

su trementu chena fine.

S’est pesada in sos fondale

una nue niedda

allivrinzada dae s’indiffereréntzia

onzi sa libertade e sa giustìscia.

In custas lunas mattanzosas

bisonzat de imparare

chi nudda at a éssere pius

comente a sicutera.

Sun fertas sas inchérridas

e istasida s’atza allimbadora

contr’a chie nos cheret imboligare

e addrummentare sa cuscéscia

impittende sas trassas

anfaneras de Circe sa brùscia

contende chi ‘olan sos àinos

e chi bivimus in sa ‘idda ‘e sos giogos

cun s’attinnu de revertire onz’òmine

isoltu e a contu sou

in marionetta isporada

e fiadu masedu.

Ma como chi s’istròscia est agabbende

e su chelu cumintzad a ispallattare

s’ilgiarin sas bideas mias

e iscòppian comente pro isermone

in manera chimentosa

sìddidas e sentidos rebelles.

(BuioCi imprigiona/la complicità di molti/e il rassegnato silenzio degli altri./Ma è necessario risvegliarsi/dal letargo delle menti/prima che cali/il buio irreversibile.//All’orizzonte s’è levata/una nube nera/alimentata dall’indifferenza/ogni giorno più forte/per la libertà e la giustizia.//In queste lune difficili/bisogna prendere coscienza/che nulla sarà più/come nel passato.//Gli sguardi sono feriti/e fiaccata la capacità critica/contro chi vuole illuderci/e sopire la coscienza/usando gli espedienti/lusingatori della maga Circe/raccontando che gli asini volano/e che viviamo nel paese dei balocchi/allo scopo di trasformare gli uomini/liberi e indipendenti/in marionette senz’anima/e animali mansueti.//Ma adesso che la tempesta sta cessando/e il cielo comincia ad aprirsi/diventano chiare le mie idee/ed esplodono come per incanto/in modo fragoroso/sussulti e sentimenti di rivolta.)

*

Vincenzo MURA

Poesias sèberas

Edes (Sassari, 2010)

Prefazione di Giovanni Fiori

*

Vincenzo Mura è nato a Pattada nel 1935 e vive attualmente a Sassari. Ha esordito alla fine degli anni cinquanta nella narrativa con racconti, novelle e servizi di letteratura e costume ne “La Nuova Sardegna”, della quale fu per alcuni anni corrispondente e collaboratore della terza pagina. E’ stato per diversi lustri impegnato nella politica attiva.

Ha pubblicato Il ballo del sole (Firenze 1967)(vincitrice del premio letterario “opera prima” N. Machiavelli), La stagione delle mantidi (Cagliari, 1966); La rivolta dei gigantinani (Cagliari 1999); Su Deus Iscultzu (Cagliari, 2002).

Poesias Sèberas è la sua prima opera in versi, e contiene una selezione delle molte poesie scritte negli ultimi vent’anni. 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: