Archive for aprile 2013

La casa comune non vuole il cappello – Guido Viale (Il Manifesto)

“…una revisione radicale dei vincoli di bilancio imposti dal patto di stabilità. Si tratta allora di promuovere in ogni territorio, in ogni città, in ogni quartiere, delle conferenze per mettere a punto progetti e iniziative che nessun governo centrale o regionale sarà mai in grado di definire; ma che è il modo migliore per dare concretezza alla proposta di Luciano Gallino di creare occupazione attraverso un vasto programma di opere pubbliche e di interventi locali.
Un programma ambizioso; ma soprattutto una “casa comune” per chi non intende accettare le scelte dell’establishment. E però, come impedire che della casa comune cerchi di appropriarsi qualcuno con le proprie truppe e le proprie bandiere per portarla ancora una volta a fondo?” Continua a leggere

25 aprile 2013. Liberazioni

liberazione-bologna

La seconda guerra mondiale e i suoi 443.000 morti, tra civili e militari. E la fine di una lunga dittatura e dell’occupazione dei tedeschi, dopo violenze, miserie e distruzioni. Questo è il 25 aprile: il ricordo di una tragedia immane e della sua conclusione. Non per merito di tutti gli italiani, ma grazie all’impegno di circa 130.000 donne e uomini. Pochi , su una popolazione di 45 milioni di abitanti. Il 25 aprile ci ricorda perciò anche altro, il nostro lato oscuro di uomini, prima che di italiani, con la nostra incoerenza e leggerezza insanabili: nell’inneggiare prima al duce e alla guerra, in piazza Venezia, per poi  insultarne il  corpo appeso, in piazzale Loreto. L’Italia degli stadi, di Domenica in dei tg1, dei canali Mediaset, del me ne frego, del non voto, da una parte; e dall’altra, quella impoverita delle piazze e dei cortei, sobria e capace di rinunciare e, allo stesso tempo, consapevole delle ragioni e delle responsabilità. La storia è spesso mossa da ambiziosi e narcisisti, ma anche da donne e uomini fuori dal coro, incuranti delle conseguenze delle  loro parole ed azioni, pur di affermare principi di verità e giustizia, e di metterli in pratica. Il 25 aprile è l’esclusivo dono di questa seconda categoria di persone, cosi come lo è la Carta costituzionale.    Continua a leggere

Risvegli poetici 2013

RISVEGLI POETICI 2013

Corrispondenze
(tratta da “I fiori del male”, 1857,Trad. di G. Raboni)

La Natura è un tempio dove incerte parole

mormorano pilastri che sono vivi,
una foresta di simboli che l’uomo attraversa

nei raggi dei loro sguardi familiari.
Come echi che a lungo e da lontano

tendono a un’unità profonda e buia

grande come le tenebre o la luce
i suoni rispondono ai colori, i colori

ai profumi.
Profumi freschi come la pelle d’un bambino

vellutati come l’oboe e verdi come i prati,

altri d’una corrotta, trionfante ricchezza
che tende a propagarsi senza fine- così

l’ambra e il muschio, l’incenso e il benzoino
a commentare le dolcezze estreme dello spirito

e dei sensi.

Charles Baudelaire Continua a leggere

Il cammello dei saggi

7442918-beduino-cavalcare-un-cammello-isolato-su-sfondo

Il Paese, anche se il termine può non piacere, è commissariato da un anno e mezzo, un tempo enorme rispetto ai gravi problemi economici e sociali e alla “ragionevole durata” della vacanza democratica.  Una scelta che se anche ha ridato credibilità al Governo italiano, all’estero, si è però rivelata nefasta per l’economia e per i diritti individuali violati, non diversamente dalle precedenti politiche del centro destra;  scelta che però allora non si poteva evitare, tanto che la decisione di Napolitano era stata salutata come una sorta di Liberazione, festeggiata come tale da milioni di italiani estenuati dagli scandalosi governi Berlusconi. Continua a leggere