Archive for maggio 2012

24 maggio 2012 – Secondo incontro di ALBA

  • Per la rottura con un modello neo liberista europeo che vuole privatizzare a tutti i costi, che non ha alcuna cultura dell’eguaglianza, che minaccia a morte lo stato sociale, la dignità e sicurezza del lavoro
  • Per riscrivere le regole della democrazia, abolire la concentrazione del potere e i privilegi dei rappresentanti, rompendo con il modello novecentesco del partito, con nuove regole e pratiche
  • Perché le decisioni politiche vengano assunte ricercando in modo prioritario il massimo consenso possibile
  • Per una nuova forma di impegno sia dentro le istituzioni che fuori, fondati sulla passione, la trasparenza e l’altruismo
  • Per l’allargamento dello spazio pubblico della politica, passando dall’esclusione verticistica all’inclusione orizzontale del cittadino
  • Per la centralità dei beni comuni, la loro inalienabilità, la loro gestione democratica e partecipata
  • Per una politica senza più violenza, illegalità, narcisismi e competitività, dentro un nuovo codice di comportamento che veda prevalere la mitezza e la fermezza, la capacità di non cedere (Dal MANIFESTO di ALBA – www.soggettopoliticonuovo.it  )

SEI INVITATO

AL SECONDO INCONTRO DI ALBA

GIOVEDI’ 24 MAGGIO ORE 18.00

Presso ex Questura – Corso Giovanni Maria Angioy – Sassari

* Continua a leggere

Annunci

Luisella PISOTTU – Risvegli poetici 2012

Quadri di vita: i margini

Da più di due anni vive là, una vecchia auto come casa, stipata di coperte e utensili.
Cade lo sguardo su quell’angolo di parcheggio all’ombra del pino; seduto sulla cassa della birra, sbuccia una mela, carrelli del discount come guardiani.
Nelle prime giornate di sole cattura la luce, la schiena abbandonata sull’aiuola.
Nelle feste qualcuno gli ha portato un pasto caldo.
Ha ringraziato con voce roca di chi non parla né canta da anni i riti del mattino.
‘Da dove arriva?’ – hai domandato – ‘che cosa gli è capitato’?

Tratti di vita in due parole: ‘ha perso lavoro e famiglia’.

Poi il passo è stato breve.
Lui non chiede. Sopravvive.
Questo il suo sguardo greve e discreto su noi
che sfioriamo quell’angolo di cemento
nel passaggio che si consuma svelto. Continua a leggere

Antonio FIORI – IN MERCERIA

Con questo nuovo libro di Antonio Fiori la collana di poesia “La Ginestra” da me diretta insieme all’amico Nicola Tanda sembra confermare le sue fondamentali premesse (e promesse) iniziali, particolarmente quelle di una speciale attenzione ai valori culturali, morali e religiosi dell’uomo. Del resto, alla poesia resta ormai la funzione di fornire all’uomo la sua “dose quotidiana” (per dirla col bel titolo di un altro libro di Fiori) se non la cura dell’anima almeno come insostituibile ricostituente. Oggi che da più parti si vede nella poesia l’unica via di salvezza contro il marasma quotidiano o, per dirla con Zanzotto,”per attraversare quest’epoca rotta e maledetta”, la poesia di Antonio Fiori sembra giungere – e giunge – al momento giusto […] (Angelo MUNDULA – dalla quarta di copertina)

 Il libro sarà presentato a Sassari il 18 maggio p.v, ore 18,30, presso la libreria Il Ribaltino, in Via Muroni 9

 

In merceria (1)

“Buongiorno, cerco filo

per imbastire

gli orli dei precipizi

e non rischiare

la caduta impietosa

provare a ricucire qualcosa

in attesa del sarto

che di certo verrà

a rifinire il vestito

sollevando ogni tanto lo sguardo

controllerà le pieghe

se tiene il tessuto

le finiture, ogni asola, tutto…

lo indosserò alla fine

solo allora saprò come cade

e il suo prezzo quale.”

* Continua a leggere

16 maggio 2012. Prima riunione di ALBA a Sassari

 

  • Per la rottura con un modello neo liberista europeo che vuole privatizzare a tutti i costi, che non ha alcuna cultura dell’eguaglianza, che minaccia a morte lo stato sociale, la dignità e sicurezza del lavoro
  • Per riscrivere le regole della democrazia, abolire la concentrazione del potere e i privilegi dei rappresentanti, rompendo con il modello novecentesco del partito con nuove regole e pratiche
  • Perché le decisioni politiche vengano assunte ricercando in modo prioritario il massimo consenso possibile
  • Per una nuova forma di impegno sia dentro le istituzioni che fuori, fondati sulla passione, la trasparenza e l’altruismo
  • Per l’allargamento dello spazio pubblico della politica, passando dall’esclusione verticistica all’inclusione orizzontale del cittadino
  • Per la centralità dei beni comuni, la loro inalienabilità, la loro gestione democratica e partecipata
  • Per una politica senza più violenza, narcisismi e competitività, dentro un nuovo codice di comportamento dove predomini la mitezza e la fermezza, la capacità di non cedere (Dal MANIFESTO di ALBA – www.soggettopoliticonuovo.it  )

 

SEI INVITATO

ALLA PRIMA RIUNIONE DI ALBA

MERCOLEDI’ 16 MAGGIO ORE 17.00

Salone della Parrocchia di S. Vincenzo (Via Turati – Sassari)

* Continua a leggere

ALBA – Manifesto per un soggetto politico nuovo

E’ nato un soggetto politico nuovo denominato, nella prima assemblea svoltasi a Firenze il 28 aprile u.s., “ALBA”, acronimo di “alleanza”, “lavoro”, “beni comuni” e ”ambiente”. Nel mese precedente i fondatori (tra i quali, Paul Ginsberg, Andrea Bagni, Claudio Giorno, Chiara Giunti, Alberto Lucarelli,Ugo Mattei, Nicoletta Pirotta, Marco Revelli, Massimo Torelli), avevano elaborato un manifesto che è “un primo documento di principi e metodi volutamente non programmatico, che definisce un orizzonte e un percorso dichiarando da subito un quadro di riferimenti e di valori. Ha come obiettivo proporre la costruzione di un soggetto politico radicalmente nuovo che si confronti subito con il quadro politico, la crisi sociale ed economica. Continua a leggere

SARDEGNA, 6 MAGGIO 2012: 10 SI PER RIDURRE I COSTI E LA TRACOTANZA DELLA CATTIVA POLITICA

 

Domenica 6 maggio si voterà in Sardegna per una serie di referendum regionali contro i costi della politica.

VOTATE IN TANTI, SFIDANDO IL SILENZIO DI CHI NON VUOLE RINUNCIARE AI PROPRI PRIVILEGI!

I quesiti referendari sono dieci, cinque abrogativi e cinque consultivi. Sono stati promossi dal Movimento Referendario Sardo, di cui fanno parte pochi partiti o movimenti politici (tra cui l’IdV, La Base Sardegna e Riformatori Sardi, legati a Mario Segni) ma che ha il sostegno di molti amministratori locali e politici sardi, tra cui il deputato del PD Arturo Parisi. Anche il governatore della Sardegna Ugo Cappellacci, PdL, si è augurato il successo della consultazione referendaria, ma all’interno dei partiti, sia a destra che a sinistra, ci sono molte divisioni e posizioni differenti. Il MRS non pare avere un sito Internet, ma ha un gruppo e una pagina su Facebook. Continua a leggere

Primo Maggio: che cosa c’è da festeggiare? di Angelo d’Orsi

 

DA MICROMEGA

 

[…]I ricercatori vessati, gli insegnanti umiliati; gli scolari e studenti penalizzati; i professori di università costretti a cercare rifugio all’estero; i disoccupati, gli esodati, i licenziati, i de localizzati, i cassintegrati; le vittime (morti, feriti, invalidi) sul lavoro, o meglio di lavoro; i lavoratori in nero; i suicidati. Operai, impiegati, imprenditori: quanti sanno che è nata in aprile a Vigonza (Padova) un’Associazione dei familiari degli imprenditori morti suicidi? Nel 2012, i morti di propria mano sono stati, fino a metà aprile, 23. (Giunge ora la notizia di un altro suicida: o meglio suicidato: un imprenditore edile sardo, costretto a licenziare i dipendenti, compresi i suoi stessi figli. Possibile che i tecnici cattolici al governo, i teorici del “rigore finanziario” e della “coesione sociale”, non abbiano nulla da rimproverarsi?). E questa non è forse una nuova forma della distruzione del ceto medio, che abbiamo già visto in atto negli Stati Uniti? E, a sua volta, a me pare una tragica conferma della “profezia “ di Marx, relativa alla bipolarizzazione della società, e all’impoverimento crescente delle classi medie fino alla loro scomparsa tendenziale, e alla concentrazione della ricchezza in un numero sempre più ridotto di mani, e in misura sempre più alta…  Continua a leggere